Scottature domestiche - Cosa devi sapere - I nostri suggerimenti
15768
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-15768,page-child,parent-pageid-15668,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-15.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

Pelle danneggiata

scottature-domestiche-icona

SCOTTATURE
DOMESTICHE

Ahi che bruciore!
Basta un attimo di distrazione, un gesto maldestro e subito il problema diventa “scottante”. In casa non mancano certo i modi per procurarsi una fastidiosa scottatura, lesione generata dal contatto con oggetti ustionanti: fornelli, forno, manici delle pentole, teglie roventi, olio e acqua bollente, il ferro da stiro e via dicendo.

Le scottature più lievi sono quelle di 1° grado, generalmente guaribili in 5-10 giorni.
Portano alla “distruzione” solo degli strati superficiali della pelle, causando arrossamenti, gonfiori, dolore, bruciore e talvolta comparsa di vescicole.

Se la scottatura è più profonda e interessa anche il derma si tratta di un’ustione di 2° grado, caratterizzata dalla comparsa di bolle piene di siero e dolore intenso.

Ustioni più gravi (3° grado), molto estese, prodotte da corrente elettrica, sostanze chimiche o localizzate su viso, mani, piedi o inguine, richiedono sempre cure mediche immediate.

Suggerimenti

  • In caso di scottature superficiali, immergere immediatamente la parte ustionata in acqua fredda o, meglio ancora, tenerla sotto l’acqua corrente per almeno 10 minuti.
  • Non applicare ghiaccio direttamente sulla zona interessata.
  • Non applicare oli o unguenti (l’olio trattiene il calore sulla pelle!), né alcool o acqua ossigenata.
  • Evitare i classici “rimedi della nonna” ma utilizzare esclusivamente prodotti specifici per la disinfezione e il trattamento delle scottature.

  • Coprire con una garza sterile per evitare il contatto con lo sporco.
  • Non far scoppiare le vescicole, altrimenti si può incorrere in infezioni.
  • Rivolgersi al medico se il dolore non cessa entro 12 ore, e/o in presenza di sintomi quali febbre, vomito, diarrea.

In presenza di scottature lievi, può essere utile favorire i naturali processi di rigenerazione della pelle, velocizzando il ripristino della sua “funzione barriera”.

Puoi provare:

CONNETTIVINABIO

Per abrasioni, escoriazioni, scottature, tagli e irritazioni.

CONNETTIVINABIO PLUS

Per lesioni che presentano un elevato rischio di infezione.

Sono dispositivi medici CE 0459. Leggere attentamente le avvertenze o le istruzioni per l’uso. Aut. Pubb. 31/05/2018